Ricerca
NIKE. UN ALTRO PASSO VERSO L’ALTO

TORNA IL SORRISO IN CASA NIKE

gen 14 2014

Bella e confortante vittoria per 3-0 della Nike nella prima partita del 2014 contro una buona compagine: San Giuseppe di Adrano.

Le sancataldesi, dopo avere chiuso con un risultato disastroso il 2013 contro il Naf Nicosia, iniziano il nuovo anno giocando una partita entusiasmante e ottenendo meritatamente i tre punti, grazie a una bella prestazione e alla strepitosa forma di tutte le giocatrici.

Primo set tirato, punto su punto, da ambedue le parti. Le Nikette tengono duro e non mollano, come in altre partite, a livello nervoso e chiudono il set sul sofferto ma meritato punteggio di 27/25.

La vittoria del parziale è merito principalmente delle indicazioni del coach Peppe Ajera.

Il secondo e il terzo set vedono il netto dominio delle Nikette che chiudono i due parziali con il punteggio di 25/18 e 25-15.

Non c’è stata più storia. Le ragazze di Ajera rinfrancate dal successo del primo parziale non sbagliano  quasi nulla.  Grande novità nel sestetto iniziale: gioca da palleggiatrice titolare la giovanissima, appena  anni 15, Rita Cutaia, proveniente dalle Under14/16 del prezioso vivaio di Susana Gorostiague, che incoraggiata dalle veterane set dopo set dimostra di possedere qualità tecniche e nervose notevoli. Il sestetto iniziale è composto dalle cugine Chiara e Carla Giammusso, Federica Castellana, Azzurra Alù, Silvia Cortese, Rita Cutaia  e libero la solita e straordinaria Lea Nicitra. In panchina Alessandra Urso, Roberta Miraglia e le sorelle Francesca e Valentina Scarlata.

Sugli spalti, assieme al numeroso pubblico, i soliti UNNI che spingono le loro beniamine al successo. La vittoria sull’Adrano è frutto di una intensa preparazione post festiva che ha visto Peppe Ajera e il preparatore Carlo La Rosa molto impegnati nella preparazione della partita.

Saranno sicuramente soddisfatti i dirigenti che all’inizio del nuovo anno hanno chiarito allo staff tecnico ed alle atlete che l’obiettivo della stagione, vista la crescita tecnica dell’intera compagine che ha bene assorbito i nuovi innesti, è quello di mirare in alto. In tal senso sono di fondamentale importanza i prossimi appuntamenti, sabato 18 al Pala Carrelli contro l’Accademia Olimpica dell’amico Totò Faraci, e soprattutto quello di domenica 25 al Pala Maira contro il Mascalucia. Solo vincendo ambedue gli incontri si potrà pensare di competere per le posizioni alte della classifica.